Immagine

img_201610304_070908

Annunci

True Life

Sono trascorse già due settimane dalla nostra prima notte insieme dopo mesi. Quanto l’abbiamo attesa, desiderata, e quasi rovinata per un capriccio. Avremmo avuto la possibilità di averne due di notti, sì proprio due, e per poco non rovinavo tutto. Perché a volte non riesco a capire, per quanto mi sforzi, gli obblighi, o presunti tali, che ancora ti legano a persone che non provano il minimo riconoscimento nei tuoi confronti, persone che si permettono di aprir bocca sulla tua vita privata, di fare minacce, di accampare pretese. Pretese. Sono quelle che temevo di aver accampato nei tuoi confronti quel giovedì sera quando la disperazione si è impadronita di noi e il peso del non poter stare sempre insieme come vorremmo si è fatto opprimente. Piangevamo, e stavamo rischiando di rovinare tutto. Perché molto spesso c’è sempre qualcosa o qualcuno che rovina tutto. E probabilmente proprio in questo consiste la disillusione che ci è stata prevista in una lettura dei tarocchi: la disillusione nei confronti della convinzione idilliaca che possa andare tutto da favola, che non ci siano intoppi e quant’altro. Ma gli intoppi ci sono. Eppure due venerdì fa sei arrivata da me, sei scesa dall’autobus, ci siamo chiuse in casa, e per qualche ora, dopo quasi cinque mesi, abbiamo dimenticato tutto e tutti. Spenti i cellulari, soprattutto i tuoi, che molto spesso sono mezzo di malumori. Chiuse le porte, tolti i vestiti. Ci siamo amate nell’intimità della mia stanza, tra il mio incorreggibile disordine, sul mio letto, in cui dormo ogni notte ricordando com’era dormire stretta a te, in questo letto troppo piccolo per due ma abbastanza grande per accoglierci entrambe, se ci teniamo strette strette. Ogni notte mi addormento pensando a com’era svegliarsi ogni tanto, e sentire il tuo respiro regolare e chiedersi perché mai io non riuscissi a dormire. Ma non dormi quando hai la tua donna a fianco dopo mesi. Così la mattina dopo ci siamo alzate troppo presto, ti ho preparato la colazione e poi abbiamo guardato un film. Ci siamo ritagliate un piccolo pezzo di paradiso, di semplice vita quotidiana, e dopo che sei andata via, dopo che ti ho lasciata andar via a malincuore, mi hai detto che per tutto il tempo avevi pensato, avevi valutato che ciò che realmente desideri è quello che potremmo costruire insieme, un giorno. E che quella che stai vivendo non è vera vita. E io aggiungo: hai regalato loro i tuoi anni migliori, ti sei fatta in quattro per farli sopravvivere ed ora che hai riacquistato un po’ di orgoglio e di dignità non sanno far altro che metterti i bastoni fra le ruote perché non possono più usarti e tenerti in scacco come prima. Perché hai rialzato la testa e questo a loro fa paura. E ciò non sai quanto mi renda orgogliosa. E quanto accresca il mio amore per te. Perché sei il mio successo, la mia vittoria, il mio orgoglio. E ti amo, ti amo dal profondo del cuore, ti amo, un giorno un po’ di più, un giorno un  po’ meno, un giorno da impazzire, un giorno mi verrebbe da strozzarti, e un altro da abbracciarti forte e tenerti stretta stretta a me e non lasciarti più tornare da loro. Sono egoista per questo? Non so, so solo che mi fa rabbia vedere dissolversi tutti gli sforzi compiuti per darti un attimo di serenità, non appena varchi la porta di casa. Li odio. Odio tutto questo. Una donna, la mia donna, non puoi trattarla così, non puoi rovinarle la vita.

Farei qualsiasi cosa per te, mio Fiore, anche se tu mi dici che non devo pormi ostacoli, per non dover poi un giorno sentirti dire che per te ho dovuto rinunciare a fare delle cose, e vivere di rimpianti.

Non penso più al futuro, perché il futuro non è ahimè, nelle nostre mani, e potremmo saltare in aria da un giorno all’altro. Non penso più al fatto che tu sia molto più grande di me e a ciò che ovviamente ne consegue, perché in questo modo mi avveleno solamente l’esistenza. Non penso al futuro, lo vivo con te, nel nostro presente. Ti amo.

Citazione

ridotta a una sequela di date, diplomi, onorificenze, medaglie, spogliata dell’impalcatura emotiva, la vita di una persona sembra quella che forse è: irrilevante, accessoria, inerte. […] Io credo che la vita sfugga, sia altrove, in quello che non è scritto, non è catalogato, provato, registrato. Non è tanto nei fatti, ma nel come nel come i fatti vengono vissuti. […] Una persona è un sistema aperto, un aggregato di atomi, una formula chimica che interagendo con le altre produce le combinazioni più impensate, complesse, imprevedibili: non è un elemento isolato, e le sostanze si attraggono, si respingono, si fondono, si annullano.

Melania G. Mazzucco “Il Bacio della Medusa”, Baldini&Castoldi, 1996, Milano, pag. 49