Just Annie

Eros Ramazzotti – “Il buio ha i tuoi occhi”

Sette anni sono trascorsi da quell’estate passata a sognare di vederti, di incontrarti, quell’estate in cui ogni giorno era semplicemente un giorno in meno che mi separava dal rivederti, un giorno in meno barrato sul calendario che mi ero costruita per l’occasione e che culminava nel primo giorno del nuovo anno scolastico. Ti amavo senza vederci nulla di sbagliato, avevo quindici anni, e tu forse quaranta o più, avevo quindici anni e amavo te, una donna.

Ti amavo attraverso ciò che mi insegnavi, e ti amo ancora ogni volta che il tuo ricordo mi accarezza, quando racconto di te ad altri che non hanno avuto la fortuna di conoscerti, ti amo ancora nei gesti che compio nel mio lavoro, i gesti che tu mi hai insegnato. Sei in ogni traccia di matita sul foglio bianco immacolato, nel mio vecchio portamine, nelle squadre e nei manuali che torno a sfogliare ora che ho la possibilità di mettere a frutto i tuoi insegnamenti.

Spesso mi accade di non riuscire a provare empatia nei confronti dei lutti altrui. Probabilmente è un concetto che non ho ancora assimilato. Ho saputo di te, di tuo marito. Da una persona che vantava di essere lì accanto a te mentre io non c’ero, mentre ero lontana, inconsapevole del tuo dolore. Se solo avessi la possibilità di incontrarti. Ti abbraccerei, senza malizia, come allora stringevo le tue mani tra le mie e tu non capivi perché stessi così male all’idea di perderti, di vederti andar via da quella scuola che allora era il mio mondo.

Penso a quanto tempo è passato, penso a te che sei lontana, sola. Penso che vorrei incontrarti, e starti accanto. Non più come la ragazzina che ti amava incondizionatamente, ma come la donna che sono diventata, una donna che avrebbe ancora tanto da imparare da te.

Ti ho amata Annie, senza pormi domande, ignara di diritti e battaglie, e del fatto che i miei sentimenti per te sarebbero stati tutt’altro che ben accetti nel “mondo esterno”. Non sapevo cosa volesse dire essere gay, mi lasciavo semplicemente trasportare dalle mie emozioni e Dio solo sa quanto desidererei riuscirci di nuovo. Ma c’è stata un altra dopo di te, un’altra che ha cercato di estirparti dal mio cuore per prendere il tuo posto e che dopo avermi fatto innamorare di lei mi ha respinta, continuando a mentirmi fin’ora. Quando ormai la mia carriera scolastica era agli sgoccioli mi chiedevi perché il mio rapporto con lei si fosse incrinato. Alcuni sapevano di me e lei, dei miei sms che avevano scatenato l’inferno a casa sua (mentiva), ma fingevano di non sapere. Ed io rifiutavo me stessa, continuavo a raccontarmi bugie come ho fatto fino a pochi mesi fa.

Ma ora sono qui, finalmente sincera, finalmente consapevole, di nuovo innamorata. Ma questa è un’altra storia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...